Nov 19 2012

Rimedi naturali Melograno: un frutto ricco di storia e di proprietà!

il frutto simbolo di tante culture, associato a divinità e rappresentato nelle iconografie sacre come simbolo propiziatorio..scopri le proprietà di questo fantastico frutto!

Category: MelogranoErboristeria La Giostra @ 19:21

melogranoIl Melograno (Punica Granatum, Punicacee) è un albero cespuglioso che cresce sino a 5 metri di altezza. Ha una corteccia rugosa e color della cenere con rami spinosi all’apice e rametti lisci. Le foglie sono ovali, lucide e ruvide; i fiori sono rosso-arancio e vistosi, compaiono tra giugno e luglio. Il frutto, detto anche “balausta” ha forma sferica, grande come una mela, ed è caratterizzato da una scorza ruvida e coriacea indicata come buccia, guscio o pericarpio. La sua parte interna è divisa in 600-800 comparti rivestiti da una membrana giallastra, al cui interno si trova un seme rosso e un succo dolce e acidulo.

Il melograno è originario dell’India ed era diffuso in tutto il medioriente (Afghanistan, Iran e regione hymalaiana). Viene poi adattato e naturalizzato nelle zone mediterranee, del Nord Africa, dell’India e nella zona meridionale degli Stati Uniti.
Oggi è sia spontaneo che coltivato sia come specie ornamentale che curativa.

Il Melograno tra mito e storia

Molteplici sono le storie riportate sin dalle attestazioni più antiche; il melograno è presente nel Papiro Ebers per la sua azione antielmintica; è associata anche a numerose divinità greche e latine oltre che nelle raffigurazioni egizie.

melograno

Disegno di Angela Maria Russo: Melograno

E’ una pianta che fa parte del capitolo delle piante attribuite al mito della “Grande Madre”, simbolo di fecondità, nascita e morte.
In epoca arcaica venne collegata ad un essere femminile Rhoio (il nome greco della melagrana è roia), figlia di Stafylos figlio di Dioniso e da cui poi prenderanno vita il Vino, il Grano e l’Ulivo.

I latini lo chiamavano “punicum malum”, melo fenico perchè proveniente dalla fenicia ove regnava Side, eroina sposa di Orione gettata da questo nell’Ade, perchè aveva osato sfidare Era in bellezza.

Nella tradizione mediterranea, la melagrana fu associata al mito di Core-Persefone che, rapita da Ade venne liberata dopo che la madre Demetra aveva, per vendetta, impedito che le piante dessero frutti e le messi maturassero.

Core-Persefone fu riportata alla madre ma, avendo assaporato negli inferi il frutto della melagrana, fu costretta a ridiscendere nell’ade ogni volta per sei mesi rinnovando così il ciclo delle stagioni invernali e di quello della rinascita della natura.

Simbolo di rinnovamento della Natura ed espressione della sua ciclicità e rigenerazione.

La sua segnatura rimanda sia al colore rosso del sangue che alla presenza di centinai di semi quale messaggio di fertilità e immortalità.

Anche nella tradizione persiana rappresenta la vita, la rigenerazione ed il matrimonio.

Nel Giudaismo si dice che i semi del melograno siano 613 e corrispondono ai 613 comandamenti della Torah.

Una melagrana sormonta il candelabro della Hannukkah con otto luci, simbolo della pienezza della creazione e a Gerusalemme il culto del melograno era stato assimilato a quello di Jahveh.

melogranoNel canone ebraico degli alberi della settimana il melograno corrisponde al sabato, settimo giorno sacro, compimento della creazione ed a Saturno, dio del riposo.

Nell’antico testamento è spesso richiamato come simbolo di femminilità, fecondità e prosperità.

Nella tradizione cristiana, soprattutto medievale, rimanderà al tema della Chiesa e del suo ruolo di unificazione delle fedi di tanti popoli, oltre che amore misericordioso di Cristo e immagine dei misteri divini.

Spesso presente nell’iconografia Medievale, o tenuta in mano dalla Madonna o dal Bambino, il suo richiamo è sempre alla Misericordia e alla Ricchezza del mister divino.

Il Melograno nella tradizione erboristica

Il melograno descritto da Galeno “… ha virtù costrettiva, sapore dolce, austero e acetoso…”

Discoride ci parla a lungo delle virtù dei fiori, della scorza, del frutto e delle radici con azione riscaldante e cicatrizzante.
Giovanni Battista della Porta ne sottolinea la segnatura e lo indica come specifico nelle problematiche dei denti al pari del frutto del Pino.

In varie forme della medicina tradizionale asiatica, i frutti di melograno erano raccomandati come tonico salutare e come trattamento per numerosi disturbi come la diarrea, la dissenteria e il diabete.
Oggi è studiato ed impiegato come potente antiossidante che aiuta il sistema cardiovascolare e inibisce la proliferazione in molte forme i cancro.

Sin da oggi, la maggior parte delle ricerche sul melograno si sono focalizzate sui costituenti polifenolici del frutto, specialmente gli eligitannini ed i gallotannini come le pulicalagine, poichè questi composti esercitano una forte attività antiossidante, antimicrobica e anticancerogena.

 melogranoStaff Arcangea

melograno

 

 


Tags: , , , ,


Ott 03 2012

Il magnesio più prezioso è quello che assorbi due volte!

La funzionalità del Magnesio e tutti i suoi benefici senza alcuna controindicazione! Magnesio! Utile, efficace e molto pratico!

Category: NutrizioneErboristeria La Giostra @ 17:15

magnesioSi parla sempre tanto di Magnesio, ma sappiamo realmente che cos’è? proviamo a conoscerlo meglio:

  • è presente nel mondo vegetale e in quello animale, di cui costituisce uno dei componenti essenziali.
  • è il terzo per abbondanza tra gli elementi disciolti nell’acqua marina e si trova in oltre 60 minerali
  • in natura non esiste allo stato libero ma legato ad altri elementi.
  • Il magnesio è l’elemento chimico dal simbolo Mg e dal numero atomico 12
  • è l’ottavo elemento più abbondante in natura e costituisce circa il 2% della crosta terrestre

L’importanza del magnesio

Indispensabile in oltre 300 reazioni biochimiche essenziali per il corpo umano, il Magnesio è uno degli elementi più importanti dell’organismo.

La maggior parte di chi vive in occidente ne risulta cronicamente deficitario a causa dello stress e di una dieta sempre più depauperata di questo prezioso elemento.

I cibi più ricchi di magnesio

magnesioGli alimenti più ricchi di questo minerale, sono di origine vegetale e fra questi i più importanti sono il germe di grano, i cereali integrali ed in particolare l’avena, il cacao, le noci, le mandorle, le noci, i fagioli, le lenticchie, il tofu, ma anche, seppure in minore quantità, alcuni frutti e verdure come bietole, broccoli, rape, carote, cipolle, melanzane, lattuga, pomodori, lamponi, more, melone, ciliegie, fragole, arance, ananas, uva, banane, castagne.

La raffinazione dei cereali e del sale marino, la cottura prolungata dei cibi, l’uso indiscriminato di concimi chimici, riducono la possibilità di approvvigionarci in quantità sufficiente di questo prezioso elemento.

Il magnesio è indispensabile in quanto occorre a:

  • mantenere integri tessuto osseo e cartilagini
  • equilibrare il sistema cardio-vascolare e ormonale
  • riequilibrare il sistema nervoso
  • far funzionare l’apparato gastro-intestinale e urinario
  • promuovere il metabolismo glucidico, proteico e lipidico
  • produrre energia cellulare e sintetizzare acidi nucleici e proteine

magnesioQual’è la sua forma più efficace?

E’ il magnesio cloruro. Però se assunto per via orale, provoca un effetto lassativo limitando l’assorbimento del minerale.

E qual’è il modo più efficace per assorbire Cloruro di Magnesio?

Già agli inizi del secolo scorso il Magnesio veniva assunto tramite spugnature direttamente sulla cute. La pelle è in grado infatti di assorbire Magnesio fino a dieci volte di più dell’intestino senza alcun effetto collaterale.

Il Cloruro di Magnesio, assunto sulla pelle, porta diversi risultati positivi:magnesio

  1. porta sollievo alle articolazioni e nella sindrome delle gambe senza riposo
  2. aiuta in caso di spasmi, dolori muscolari, fibromialgia, attacchi di ansia e di panico
  3. rilassa il sistema nervoso e risulta un ottimo rimedio contro l’insonnia
  4. è fondamentale nella disintossicazione da tossine e metalli pesanti
  5. sostiene lo sviluppo osseo ed è efficace in caso di osteoporosi
  6. si oppone al decadimento dei denti
  7. rinforza la memoria
  8. risulta utile in caso di dolore e insensibilità a dita e estremità
  9. riduce la sindrome pre-mestruale e i dolori da crampi durante le mestruazioni
  10. migliora la salute del cuore e le alterazioni del ritmo cardiaco
  11. incrementa la respirazione cellulare e la produzione generale di energia (ATP)
  12. migliora la secrezione di insulina facilitando il metabolismo dello zucchero in caso di diabete
  13. lenisce le crisi d’asma
  14. migliora le cistiti
  15. concorre a combattere i sintomi d’invecchiamneto

Magnesium derma spray

Dai laboratori Arcangea per la prima volta in Italia arriva Magnesium derma spray, una soluzione di cloruro di magnesio formulata per assicurare un assorbimento ottimale di questo preziosissimo elemento a livello cutaneo.

Utile, efficace e molto pratico!

 Staff Arcangea

magnesio

 

 


Tags: , , , , , , , , , , , , ,


Lug 20 2012

Stevia: dolcificante dietetico naturale!

Dalle montagne fra Paraguay e Brasile, arriva la pianta più “dolce” di tutte… la Stevia! Basta dolcificanti sintetici, affidiamoci alla natura!

Category: Dimagrante,NutrizioneErboristeria La Giostra @ 13:54

Stevia_dolcificante La stevia è una pianta aromatica arbustiva originaria del Paraguay e del Brasile. Esistono tante specie di stevia, ma l’unica con proprietà dolcificanti significative è la rebaudiana; grazie ai suoi glicosidi è 45 volte più dolcificante del saccarosio (classico zucchero da cucina), le estrazioni che si trovano in commercio, in forma liquida o in polvere arrivano a dolcificare fino a 400 di più.

La stevia è una pianta utilizzata dagli indiani Guarani di origine Sudamericana dall’epoca pre colombiana, la chiamvano “erba dolce” e veniva utilizzata per dolcificare il Mate, bevanda amarognola utilizzata come tonico dagli indigeni.

I vantaggi principali nell’utilizzare la stevia come dolcificante:

  • non alza il livello di glucosio nel sangue,
  • non causa diabete,
  • ha zero calorie, per questo è utilizzata durante diete o regimi alimentari ipocalorici
  • può essere utilizzata per cucinare,
  • è un dolcificante naturale.

Stevia_dolcificanteLa stevia viene utilizzato come dolcificante dietetico al posto dell’Aspartame e dell’Acesulfame K, due dolcificanti sintetici utilizzati da diverso tempo anche dalle grandi industrie, ma sui quali sono insorte diverse polemiche riguardanti la loro tossicità, in particolar modo, negli ultimi mesi, è stata posta l’attenzione sull’Aspartame, inquanto non sono chiari gli studi effettuati prima della sua mesa in commercio (risalente al 1982 per l’Italia), il dubbio principale è che possa essere cancerogeno.

La stevia, essendo un piccolo arbusto, può essere anche coltivato a casa propria, non necessita di cure particolari, in questo modo, oltre ad utilizzare il dolcificante di stevia si può avere la soddisfazione personale di avere una piccola coltivazione a casa propria, con il vantaggio di poterla utilizzare in cucina.

Per dosare il sapore dolce basta provare a staccare una foglia o un rametto e masticarlo, si avverte subito un sapore molto dolce che lascia un leggero retrogusto di liquirizia.

Ricetta con le foglie di stevia: Torta con la stevia al posto dello zucchero, marmellata d’arance senza zucchero e gocce di cioccolato bio

Ingredienti:

  • 400 gr farina di grano tenero (o kamut, farro,…) integrale
  • 100 gr di burro bio da sciogliere con acqua o latte vegetale (di soia, di farro, d’avena,…)
  • 40 gr di stevia (foglia o rametti secchi)
  • 1 cucchiaio di marmellata d’arance bio senza zucchero
  • 40 gr di cioccolato fondente da sbriciolare nell’impasto.
  • lievito naturale
  • un uovo (che volendo può essere anche tolto)

Mettete insieme gli igredienti come per tutte le torte e cuocere in forno a 180° per 30 minuti.

Tags: , ,


Mar 06 2012

Rimedi naturali cellulite: Oppression free, un aiuto dai Fiori australiani

Blocchi emotivi? pesantezza mentale e fisica? Gonfiore e ritenzione idrica? Le tossine accumulate durante l’inverno richiedono un pronto intervento? Il rimedio naturale per la cellulite Oppression free è quello che fa per te!

Category: Rimedi naturali celluliteErboristeria La Giostra @ 11:14

 

Con l’arrivo di Marzo, si lascia l’inverno alle spalle e la mente vola verso la primavera, ma la ritenzione idrica e le tossine accumulate durante la stagione fredda lasciano il segno; occorre un rimedio naturale per la cellulite e il gonfiore!

Scopri come tornare in forma con Oppression free, composto dei fiori australiani!

Alcuni disagi emotivi come la paura, la rabbia o la difficoltà ad accettare i cambiamenti, possono riflettersi sul nostro organismo creando una sensazione di pesantezza e di difficoltà nell’eliminazione e nel drenaggio.

Oppression free è una combinazione di 6 fiori australiani (Bauhinia, Bottlebrush, Bush Iris, Dagger Hakea, Dog Rose, Wild Potato Bush) creata specificatamente per quei periodi in cui si ha la necessità di attenuare il carico mentale e fisico, in cui occorre trovare un rimedio naturale per problematiche come la cellulite e il gonfiore.

Esaminamo nello specifico ogni fiore australiano singolo contenuto all’interno di Oppressio free:

  • Bauhinia: aiuta a bilanciare la valvola ileo cecale.
  • Bottlebrush: aiuta a eliminare le tossine dal colon. Permette di vivere con tranquillità i cambiamenti.
  • Bush Iris: aiuta a sbloccare il sistema linfatico, promuovendo l’eliminazione di tossine con il drenaggio.
  • Dagger Hakea: aiuta a detossificare l’organismo grazie all’azione che ha sul fegato.
  • Dog Rose: aiuta a sbloccare il drenaggio grazie all’azione che ha sui reni.
  • Wild Potato Bush: aiuta a vedere il proprio corpo con amore e non come un ostacolo.

I rimedi naturali per la cellulite sono molti, ma in pochi tengono in considerazione la componente emotiva. Oppression free dona un senso di libertà, vitalità e leggerezza favorendo così il benessere psico-fisico.

Può essere di aiuto per divenire più flessibili e più aperti verso qualsiasi cambiamento, come ad esempio nei periodi in cui si sente il bisogno di apportare modifiche nell’alimentazione o nello stile di vita a favore di abitudini più sane.

Oppression free è un ottimo rimedio naturale per la cellulite , perchè aiuta a eliminare le tossine dal corpo e dalla mente portando beneficio a chi accusa gonfiore e pesantezza. Queste caratteristiche fanno di Oppression free un valido sostegno per  diete dimagranti, disintossicanti e drenanti.

 

Tags: , , ,


Apr 30 2011

Il “dramma della pelle a buccia d’arancia” compare nuovamente con la bella stagione. Perché avere paura di scoprirsi? E’ il momento di correre ai ripari!

La cellulite torna a tormentare molte donne poco prima del periodo estivo.

Category: Rimedi naturali celluliteErboristeria La Giostra @ 12:15

 

E’ molto importante capire che cos’è la cellulite*: è un accumulo di grasso, acqua e impurità, spesso localizzato su cosce e glutei, ma anche su ginocchia, braccia e addome.

Il “dramma della pelle a buccia d’arancia” essendo un problema che interessa la microcircolazione linfatica e sanguigna con accumulo di tossine, coinvolge le donne indipendentemente dalla forma fisica, essere in sovrappeso non determina necessariamente un problema di cellulite*.


Ci sono diversi rimedi a cui poter ricorrere:

  • Fitoterapia:

Si possono utilizzare diverse piante per questo problema:

  1. Ci si può affidare ai prodotti composti da più fitoestratti in modo da ottenere una perfetta sinergia dei principi attivi delle piante.
  2. Oppure si può lavorare sulle piante singole, ricordandosi di agire sugli aspetti fondamentali della cellulite: la ritenzione (Betulla, Pilosella, Centella, …), la circolazione (Ginkgo biloba, Mirtillo, Vite rossa…), le tossine (Tarassaco, Cardo mariano, Ortica, …) e, in caso di necessità, l’adipe (Alga Fucus, Garcinia, Tè verde,…)

 

  • Oligoterapia

Ideale è l’abbinamento di 3 oligoelementi da usare a giorni alterni, Manganese – Cobalto, Zolfo e Potassio

 

  • Cosmetica

Ci sono tantissimi trattamenti da applicare localmente per contrastare gli inestetismi cutanei:

  1. I più conosciuti come trattamenti sono i Fanghi, ottimi perhcè agiscono per osmosi;
  2. Al secondo posto ci sono le creme anticellulite, consigliate anche in abbinamento al fango
  3. Da non dimenticare come trattamento sono molto efficaci i peeling, gli scrub e i bagni con i sali

 

  • Floriterapia

Fiori di Bach:

  1. Chicory e Pine per chi trattiene i liquidi sopratutto nelle cosce;
  2. Water Violet e Star of Bethlehem per chi ha ritenzione nelle braccia;
  3. Crab Apple e Mimulus per chi non ama il proprio corpo a causa della cellulite.

Fiori australiani:

  1. Dagger Hakea rompe ed elimina gli addensamenti corporei, agendo specialmente sulle tossine
  2. Bottlebrush questa essenza aiuta nel riattivare i flussi nel nostro corpo, compreso il sistema circolatorio e linfatico, muovendo quindi i ristagni di liquidi.
  3. Billy Goat plum, è il fiore per chi vede la cellulite come un problema fisico e prova repulsione per il proprio corpo
  4. Oppression free: il composto di fiori australiani che agisce per l’eliminazione delle tossine e la riattivazione del sistema linfatico

In più:

  • Aumentare l’esercizio fisico, prediligere esercizi aerobici (passeggiata veloce, trotterellare, salire e scendere le scale, bicicletta, …) possibilmente tutti i  giorni per almeno un ora.
  • Bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno, prediligere un acqua con residuo fisso inferiore a 100 mg/l.
  • Impostare uno stile alimentare corretto, prediligere alimenti integrali, frutta, verdura, alghe, semi e frutta secca.
  • Bere centrifugati di frutta e verdura, sono drenanti e depurativi.
  • Cercare di variar il più possibile le pietanze, avere un’alimentazione variata aumenta il metabolismo.

Confidenze tra amiche:

  • eseguire tutte le sere un massaggio con un guanto di crine dalla caviglia al glutei, in senso circolare spostandosi dal basso verso l’alto;
  • terminato il massaggio passare un getto di acqua fredda su tutta la gamba dalla caviglia al gluteo.

A volte le intolleranze alimentari possono limitare l’efficacia di questi rimedi, effettua il test per un controllo completo.

*cellulite: inestetismo cutaneo ed adiposità della pelle

Veronica Gallo

Studentessa di Tecniche Erboristiche

 

Per scoprire tutti i prodotti anticellulite clicca QUI

 

Bibliografia:
E. Maugini, L. Malechi Bini & M. Mariotti Lippi (2006), Manuale di botanica farmaceutica, VIII edizione, Picini

White, I. (2004) Essenze floreali australiane, Trad. di Sonia Sferzi, Revisione di Enrica Savioli. Milano, Tecniche nuove

Mearelli F. (2005) Prontuario di fitoterapia, Lama di S.Giustino (PG), Edizioni Erbamea

Sangiorgi E. & Brizzi M. (2006), In caso di… prontuario di Rimedi e Terapie Naturali, centro studi Ting spazzavento

James F. Balch & Mark Stengler (2004) Il libro dei rimedi naturali, Trad. di Bruna Bracco, Paola Monaco, Erica Sarnatoria. Armenia

Howard J. & Ramsell J. (1994), Guarire con i fiori di Bach, Milano, tecniche nuove

 

Tags: , , , ,


Pagina successiva »